C’era un’oasi naturale

Data pubblicazione: 12 Set, 2011
Categoria: Rassegna stampa

C’era un’oasi naturale

Oggi? I pescatori di frodo

L’allarme di un ambientalista di Cinisello che tiene d’occhio il Grugnotorto.

Cinisello Balsamo, 12 settembre 2011 – Avrebbe dovuto essere un’oasi naturale capace di ripopolare la flora e la fauna del parco del Grugnotorto, invece rischia di trasformarsi in uno stagno killer, il lago artificiale che si estende tra Cinisello, Nova Milanese e Muggiò. A lanciare l’allarme, un ambientalista cinesellese, Angelo Berto, che da mesi denuncia un’invasione di alghe che sta soffocando pesci e uccelli migratori, e che inoltre ha trovato le prove di una crescente attività di pesca di frodo.

Sabato pomeriggio Berto ha trascorso alcune ore sulle rive dello specchio d’acqua, per liberare alcune gallinelle d’acqua che si dimenavano tra le alghe. Così ha scoperto un pesce gatto lungo una trentina di centimetri, che aveva un amo e uno spezzone di lenza conficcati nella bocca. Il pesce era morto, probabilmente qualche ora prima per mano di qualche pescatore che infischiandosene dei divieti imposti in quest’area, si è dato da fare con la canna da pesca. Non è la prima volta che capita. Tracce di questo tipo di attivita sono stati scoperte più volte in passato.

Si pensa che il laghetto sia una sorta di vivaio spontaneo per gruppi di stranieri, oppure per i rom che vivono negli accampamenti abusivi che sorgono nelle vicinanze. L’area, realizzata dal Comune di Cinisello come oasi naturalistica soprattutto con l’obiettivo di diffondere la flora tipica degli stagni di pianura e di richiamare animali migratori che un tempo facevano tappa su questi terreni, rischia di trasformarsi in una pozza di acqua morta. “Sono mesi che denunciamo la presenza anomala di alghe che stanno soffocando i pesci del lago – spiega Berto che ha prelevato gli animali morti, conservandoli in un freezer per poterli consegnare alle guardie del parco, questa mattina alla riapertura – Ma nessuno ha mai messo in atto un intervento forte e risolutivo. Inoltre, queste acque sono diventate il bagno e forse la dispensa degli abusivi che vivono nella zona. Molto spesso i rom sono stati visti fare il bagno nel lago, mentre qualcuno si nutre dei suoi pesci”.

Il problema principale per questa fetta di parco sovracomunale, è quello della vigilanza.  Recentemente è stato rinnovato l’impegno delle guardie ecologiche volontarie del Parco Nord a vigilare sulle aree del Grugnotorto. Ma questo non ha impedito, nei mesi scorsi, che una banda di ladri di metalli trasformasse lo stesso lago in una sorta di isola del tesoro. Sul fondo erano stati nascosti centinaia di monumenti in ottone e bronzo provenienti dai furti nei cimiteri di Cinisello e della Brianza. Per estrarli, i sommozzatori dei vigili del fuoco, i carabinieri e i volontari della protezione civile avevano dovuto lavorare per tre giorni.

di Rosario Palazzolo

 

Il Giorno 12 Settembre 2011

News correlate

Consegna Spiga d’Oro

  Domenica 13 Ottobre 2019 alle ore 16.00, presso l’auditorium Falcone e Borsellino del centro culturale Il Pertini, la nostra associazione avrà l’onore di ricevere il conferimento dell’onorificenza cittadina "Spiga d’Oro 2019". Insieme al Corpo Volontari...

Lotteria di Natale 2019

Siamo nati esattamente 10 anni fa nel 2009, quest’anno è stato per noi molto importante e il festeggiamento migliore che potevamo avere è stato aver ricevuto la più importante onorificenza dal nostro comune di Cinisello Balsamo, la Spiga d’oro! Vogliamo condividere...

Adunata Alpini

L'Associazione di Protezione Civile di Cinisello Balsamo, per le giornate di Sabato 11 e Domenica 12 Maggio, sarà a supporto della città di Sesto San Giovanni e di Milano con i suoi volontari. Diverse le attività per le quali è stato richiesto il supporto...

Via Giolitti 1/3 Cinisello Balsamo (MI)

331 5321787

info@protezionecivilecinisellobalsamo.it

Seguici sui social!