Un Grazie a

e a tutti quelli che ci aiutano e sostengono la nostra attività
 
Dopo il sisma del 2016 oltre 40 mila mq dell' Unicam furono rese inaccessibili, il progetto di Croce Rossa Italiana e canadese mira finanzia nuovi alloggi per 43 studenti

Un nuovo campus per gli studenti di Camerino. Domani presso l’Università della città marchigiana colpita dal sisma del 2016, si terrà la cerimonia di posa della prima pietra per la realizzazione di alloggi per studenti nell’ala del nuovo campus universitario. Il progetto, reso possibile grazie al sostegno della Croce Rossa Italiana, del Governo Canadese e della Croce Rossa Canadese, rientra nell’ambito delle numerose attività e iniziative avviate dalla CRI in seguito al sisma che ha colpito le regioni del Centro Italia.

Ricostruire per ricominciare e rispondere in modo concreto ad un'esigenza arrivata direttamente dalla comunità colpita, rientra negli obiettivi e nella mission dell’associazione, impegnata nella realizzazione di un progetto di “co-abitazione sociale” che coinvolgerà, inoltre, gli studenti in un percorso di sensibilizzazione e avvicinamento alle attività di volontariato della CRI.

“A nome dell’intera comunità universitaria, ed in particolare della componente studentesca – dichiara il Rettore Unicam, Claudio Pettinari – ringrazio sentitamente la Croce Rossa Italiana per essersi interessata a noi e per aver voluto sostenere il nostro progetto, quello di ampliare il numero di alloggi disponibili nel Campus universitario. Con il sostegno della Croce Rossa Canadese e del Governo del Canada siamo riusciti tutti insieme a rendere possibile un sogno e di questo siamo grati a tutte le persone che si sono adoperate affinché esso si realizzasse. Unicam rappresenta per l’intero territorio su cui insiste un importantissimo volano economico e culturale, specie dopo quanto accaduto nel 2016, di cui gli studenti sono il fulcro. Aumentare e consentire la residenzialità degli studenti vuol dire dunque sostenere e sviluppare queste nostre zone così duramente colpite dagli eventi sismici”.

Il sisma del 2016 ha colpito duramente tutta la zona di Camerino, con l’Università che ha dovuto fare i conti con oltre 40.000 metri quadri di strutture didattiche inaccessibili e una perdita di circa 1.800 posti letto negli appartamenti privati. La Croce Rossa Italiana, grazie al supporto della consorella Canadese e del Governo del Canada, si è impegnata a donare un’intera ala del nuovo campus universitario, fornendo alloggi per gli studenti. Nello specifico, verranno realizzate due palazzine a schiera costituite da 17 stanze singole e 13 stanze doppie, per una capacità di 43 posti letto in totale.

Al via dunque i lavori con la posa della prima pietra. Alla cerimonia inaugurale, che si terrà domani, 14 settembre, alle ore 11:00 presso il Campus Universitario di Camerino, prenderanno parte autorità istituzionali e locali, rappresentanti della Croce Rossa Italiana, della Croce Rossa Canadese e rappresentanti del Governo Canadese.

Red/Cb
(Fonte: Croce Rossa Italiana)

Articolo precedente

Numerosi interventi Cnsas per salvare cercatori di funghi

Prossimo Articolo

"Un Albero in più": una pianta per ogni italiano

Cri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civileCri inaugura nuovo campus post sisma a Camerino - Giornale della Protezione civile

Fonte: Google News

 

Meteo

meteosatMeteosat in tempo reale - fotogrammi ogni 15 minuti -

Terremoti

European-Mediterranean Seismological Centre (EMSC)

Terremoti nella tua area