Un Grazie a

e a tutti quelli che ci aiutano e sostengono la nostra attività
 
Rubavano le Ducati per smontarle e poi venderle: smantellata banda di ladri

L'obiettivo della banda erano le Ducati. Rubavano solo quelle. E secondo gli investigatori dopo essersene impossessati le portavano a Milano dove le smontavano per poi rivenderle a pezzi su un mercato parallelo. Nella mattinata di venerdì 22 novembre i carabinieri di Riccione hanno fatto scattare le manette per i presunti ladri: otto persone sono state arrestate (una in carcere, sette ai domiciliari) mentre per altre sei è scattato l'obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria. Le misure cautelari, come riportato su RiminiToday, sono state messe a segno tra le province di Rimini, Milano e Como. E tra gli arrestati c'è anche un 32enne di Cinisello Balsamo, comune milanese alle porte della Brianza.

Le indagini sono scatatte nel luglio del 2018 dopo i maxi-furti commessi tra Rimini, Riccione e Misano Adriatico durante la tappa del mondiale Superbike e il World Ducati Week. Attraverso le indagini gli investigatori sono arrivati al presunto capo della banda: un 32enne di Cinisello Balsamo che è stato arrestato e accompagnato nella casa circondariale di San Vittore. 

La banda, come ricostruito dai carabinieri, agiva con precisione chirurgica: dopo aver puntato la moto da rubare la affiancavano con un furgone e in pochi secondi la caricavano per poi fuggire in cerca del successivo obiettivo. Le moto sarebbero poi state stoccate e, a seconda delle necessità, smontate per ricavarne pezzi di ricambio o caricate su furgoni per essere portate all'estero. Il capo della banda, secondo le indagini dei carabinieri, insieme ad alti parenti avrebbe impiantato un vero e proprio business sulle due ruote rubate.

Fonte: Monza Today

 

Meteo

meteosatMeteosat in tempo reale - fotogrammi ogni 15 minuti -

Terremoti

European-Mediterranean Seismological Centre (EMSC)

Terremoti nella tua area